Pavimenti in klinder

Chi preferisce un pavimento dalle elevate prestazioni tecniche e resistente potrebbe scegliere il klinker ceramico, ma per avere una qualità elevata occorre eseguire la manutenzione ordinaria ed anche quella straordinaria in modo corretto. Ecco tutti i dettagli sul pavimenti in klinder: info su pavimentisulweb.it.

Caratteristiche del pavimento in klinder

Il pavimento in klinder è creato con la miscelazione di acqua e di pregiate argille quali la caolinite e l’illite, contenenti allumina e quarzo e provenienti dai giacimenti della Germania, tale prodotto è tra quelli più solidi e resistenti. L’impasto viene dapprima depositato in silos per effettuare la stagionatura e poi avviene la sagomatura in impianti di trafilatura, per poterne ricavare piastrelle oppure mattoni aventi spessori da 9 a 25 millimetri e per la definizione delle forme.

I pezzi prodotti sono caricati su carrelli e portati negli essiccatoi, così che l’umidità eccessiva venga smaltita, evitando di comprometterne la qualità. La fase finale riguarda la cottura che presenta una durata di 34 ore, in forni a tunnel oppure a rulli, ad una temperatura di 1250 gradi, così che il materiale possa raggiungere una compattezza consistente.

Il klinker è molto resistente ed ha doti di inalterabilità rilevanti. Mediante il processo di cottura lenta, può raggiungere un grande livello di vetificazione, divenendo duro, resistente al gelo e agli eventuali sbalzi di temperatura, impermeabile all’acqua, al penetrare di oli e grassi ed è anche invulnerabile all’azione corrosiva da parte degli agenti atmosferici, alle abrasioni, agli urti, al fuoco e alle elevate sollecitazioni meccaniche, presentando una struttura solida.

Il clinker è dal punto di vista tecnico perfetto, adattabile sia agli interni che agli esterni trovando applicazione non soltanto nell’architettura residenziale, per la pavimentazione di qualunque stanza della casa, ma pure nell’ambito industriale, dell’arredo urbano, sportivo ed usato come rivestimento delle facciate esterne, ed anche dei bordi e dei fondali delle piscine. Si tratta difatti, di un materiale antiscivolo e non deteriorabile a contatto con gli agenti chimici depuranti le acque.

E’ un materiale molto richiesto per la creazione di pavimentazioni di cortili, ma anche di passi carrai e di zone caratterizzate da un intenso traffico pedonale.

In relazione al settore residenziale c’è una particolare varietà, conosciuta come clinker porcellanico e così denominata perchè all’impasto ceramico verrebbe aggiunta la porcellana macinata che incrementa le caratteristiche di solidità ed anche di resistenza.

Nello scegliere piastrelle in klinker si potrebbe optare per diverse forme e colori, a seconda del proprio gusto: ci sono mattonelle quadrate, ottagonali, rettangolari, a listello, o è disponibile anche la variante del mattone classico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *